Flash News

L’Atalanta si fa rimontare, è 2-2 contro il Verona

BERGAMO (ITALPRESS) – L’Atalanta spreca una grossa opportunità di...

Poste italiane, annullo e cartolina per 90° anniversario Sabaudia

ROMA (ITALPRESS) – Nella giornata degli eventi e dei...

Finisce 1-1 al “Franchi” fra Fiorentina e Genoa

FIRENZE (ITALPRESS) – Un punto a testa per Fiorentina...

Assolda degli investigatori perché ha paura che la figlia venga rapita, ma poi….

spot_imgspot_img

La libertà è il bene più prezioso, si sa. Ma quando si teme per la propria incolumità o quella dei propri cari, anche la libertà può passare in secondo piano. Questo è stato il convincimento di un padre, un imprenditore, che ha ingaggiato degli investigatori privati accreditati per seguire la figlia diciassettenne, secondo lui possibile vittima di rapimento.

Tutto nasce da alcune minacce anonime ricevute dall’imprenditore da parte di sconosciuti: lettere, messaggi e intimidazioni. L’uomo per tenere la vicenda il più riservata possibile si rivolge alle investigatrici della Tarricone Investigazioni di Milano, agenzia investigativa accreditata e declinata al femminile.

Sin da subito la situazione ci sembrò critica, anche in base alle prove che ci portà il padre preoccupato – ha raccontato Valentina Tarricone –  così iniziammo a predisporre un piano di sicurezza efficace per la figlia».

Le investigatrici prima di tutto incaricarono due giovani collaboratori, un uomo e una donna di 23 anni, di entrare nell’entourage della presunta vittima di stalking, riuscendo ad ottenere un rapporto di fiducia e addirittura amicizia con lei.
Trascorsero 20 giorni e il padre continuava a ricevere lettere anonime e minacce.
A quel punto lui, insieme alla moglie, voleva far perdere le proprie tracce a chi lo stava minacciando così ossessivamente.

«Eravamo preoccupati e allora decidemmo di far trasferire a Milano l’intera famiglia con il loro consenso – prosegue l’investigatrice –  Li accompagnammo con auto blindate, scortati da una squadra di sicurezza, nel massimo della privacy.
Affittammo un appartamento a nome di un nostro collaboratore esterno: nulla risultava a nome della famiglia dell’imprenditore e persino la nostra collaboratrice che aveva fatto amicizia con la figlia si trasferì da loro».
Sembra una storia da film, ma è reale: dopo soli 15 giorni nella cassetta della posta dell’abitazione “blindata” c’era un’altra lettera di minaccia: inutile fuggire, a breve la ragazza verrà rapita!

Sospettando di avere a che fare con una organizzazione strutturata sul territorio nazionale, che utilizzava probabilmente mezzi sofisticati per il rintraccio, la famiglia sa Milano si spostò a Parigi su un aereo privato, in un appartamento sotto nostra copertura e il controllo costante. Di nuovo arrivò una lettera anonima.
«La famiglia era ormai disperata, ogni sforzo sembrava vano, ed iniziammo a capire che bisognava essere ancora più potenti di chi minacciava.  Così portammo la famiglia a Roma, seguendo sempre lo stesso iter e organizzammo un appostamento H24». Fino all’epilogo: una mattina l’imprenditore tornò a casa in taxi, e mentre andava verso il portone, la squadra appostata notò un uomo sospetto che sembrava aspettarlo. L’imprenditore entrò nell’atrio e prima che l’uomo sospetto lo seguisse all’interno, un agente investigativo si intrufolò subito dopo. Fu in quel momento che si accorse che era proprio lui, l’imprenditore che imbucava una lettera indirizzata a sé stesso. «Per noi fu spiazzante, ma poi capimmo il motivo: sembra assurdo ma quel papà era talmente terrorizzato dall’idea che la figlia potesse essere rapita, che preferiva tenerla in uno stato di costante protezione piuttosto che rischiare di perderla. Forse l’amore di un padre porta a fare cose folli, ma quando la paura impedisce non solo a lui di vivere, ma anche alla figlia di godere della sua libertà, ci si trova davanti a qualcosa di patologico, che nessun investigatore può fermare».

Ultime Notizie

L’Atalanta si fa rimontare, è 2-2 contro il Verona

BERGAMO (ITALPRESS) – L’Atalanta spreca una grossa opportunità di...

Poste italiane, annullo e cartolina per 90° anniversario Sabaudia

ROMA (ITALPRESS) – Nella giornata degli eventi e dei...

Finisce 1-1 al “Franchi” fra Fiorentina e Genoa

FIRENZE (ITALPRESS) – Un punto a testa per Fiorentina...

Intelligenza artificiale, Barachini all’Onu “Difendere l’integrità dell’informazione”

di Stefano Vaccara NEW YORK (ITALPRESS) – Alberto Barachini, sottosegretario...

Da non perdere

L’Atalanta si fa rimontare, è 2-2 contro il Verona

BERGAMO (ITALPRESS) – L’Atalanta spreca una grossa opportunità di...

Poste italiane, annullo e cartolina per 90° anniversario Sabaudia

ROMA (ITALPRESS) – Nella giornata degli eventi e dei...

Finisce 1-1 al “Franchi” fra Fiorentina e Genoa

FIRENZE (ITALPRESS) – Un punto a testa per Fiorentina...

Intelligenza artificiale, Barachini all’Onu “Difendere l’integrità dell’informazione”

di Stefano Vaccara NEW YORK (ITALPRESS) – Alberto Barachini, sottosegretario...

Giovanni Gentile, Sangiuliano”Giusto rendere merito ad azione culturale”

ROMA (ITALPRESS) – “Giovanni Gentile è stato riconosciuto da...
Laura Marinaro
Laura Marinaro
giornalista professionista e scrittrice specializzata in cronaca nera e giudiziaria con master in scienze forensi e sopralluogo sulla scena del crimine ha pubblicato Yara Autopsia di un'indagine (Mursia) e il romanzo giallo Maremoto a Varigotti (Mursia)
spot_imgspot_img

L’Atalanta si fa rimontare, è 2-2 contro il Verona

BERGAMO (ITALPRESS) – L’Atalanta spreca una grossa opportunità di accorciare su Roma e Bologna. Finisce 2-2 il match contro l’Hellas Verona, i nerazzurri –...

Poste italiane, annullo e cartolina per 90° anniversario Sabaudia

ROMA (ITALPRESS) – Nella giornata degli eventi e dei festeggiamenti per il “90° Anniversario della inaugurazione della città di Sabaudia”, Poste Italiane ha realizzato...

Finisce 1-1 al “Franchi” fra Fiorentina e Genoa

FIRENZE (ITALPRESS) – Un punto a testa per Fiorentina e Genoa al termine di una gara divertente e ricca di colpi di scena, soprattutto...